Share and Enjoy !

Shares

La cannella proviene dalla corteccia dell’omonimo albero tropicale sempreverde, dalle foglie di un verde luminoso, piccoli fiori bianchi ed un frutto che consiste in piccole bacche oscure. Sia la corteccia che le foglie della cannella rilasciano il tipico aroma.

La cannella ci offre moltissimi benefici per la nostra salute, a causa delle grandi proprietà che possiede. Inoltre, è molto utilizzata in cucina, per insaporire i piatti (soprattutto i dolci).

In questo articolo ti spiegheremo come coltivare un albero di cannella a casa. Si tratta di un’operazione semplice, che non ha bisogno di molta cura a patto che si conoscano e vengano rispettati dei semplici procedimenti.

Clima caldo ed umidità sono importantissimi per la cannella. I suoi semi possono essere raccolti e piantanti.

La cannella può essere piantata con semi e talee (entrambi acquistabili, anche online). Bisogna inserire i semi in un contenitore pieno di terriccio, da sistemare in un luogo ombreggiato.

Dopo circa 4 mesi, le piante devono essere trapiantate nei vasi definitivi, all’aperto o in casa. Quanto più grande il vaso, più grande sarà l’albero.

La cannella non ha bisogno di luce solare diretta, ma non può essere lasciata in un luogo ombreggiato. La corteccia può essere raccolta in qualsiasi momento, e si consiglia di mantenere le piante di dimensioni contenute, in quanto possono crescere fino a 15 metri!

Il primo raccolto può essere effettuato dopo 2 o 3 anni. Quando i rami raggiungono 3 cm di diametro ed un colore violaceo, bisogna tagliarli a 5 cm dal tronco principale. Effettua questa operazione ogni 2 anni.

La cannella di miglior qualità è quella che viene raccolta dalla parte intermedia. La qualità si abbassa man mano che ci si avvicina alla base

Share and Enjoy !

Shares